6 – “You only live twice” (Nancy Sinatra) / Si vive solo due volte (1967)

Deliziosa, elegantissima splendida, Nancy Sinatra si accompagna ad un’orchestra che è divenuta un’icona dei nostri iempi. Ne ritroviamo un’eco in “Millenium” di Robbie Williams.

5 “We have all the time in the world” (Louis Armstrong) / Al servizio segreto di Sua Maestà (1969)

Fu un regalo di John Barry a Louis Armstrong, che ne fu fortemente colpito e sempre si emozionava raccontando l’aneddoto. Forse un regalo per noi, che ancora oggi apprezziamo la voce di questo grande musicista. Peccato sia stata utilizzata per i titoli finali.

4 “The world is not enough” (Garbage) – 007 Il mondo non basta (1999)

Tanto drammatica quanto intensa, Shirley Manson da un tocco misterioso che armonizza alla perfezione con lo spirito delle colonne sonore bondiane. Il video che accompagna la canzone sembra un prequel del film, il ritornello è una delle cose più belle dell’intera saga.

3 “Goldeneye” (Tina Turner) / Goldeneye (1995)

Splendida, riconoscibile dalle prime tre note. Tina Turner a mo’ di leonessa ricorda Shirley Bassey. Che Bono si sia limitato a scriverla, le regala posizioni.

2 “Skyfall” (Adele) – Skyfall (2012)

Non appena apparve il video il mondo si entusiasmò. Dopo anni di esperiementi e canzoni moderne, tornava il classico Bond anche nella colonna sonora. Orchestra, crescendo, ed una voce che fa sembrare facile anche l’impossibile. Il primo Oscar per la saga di James Bond.

1 “Goldfinger” (Shirley Bassey) / Gondfinger (1964)

La pietra miliare di tutte le colonne sonore di Bond. Inizia quasi scomposta, per poi diventare quasi un sussurro e lasciar partire l’impetuosa voce di Shirley Bassey. Segue perfettamente lo sviluppo della trama. John Barry firmò uno dei suoi capolavori con questa canzone.