Svezia: 10 cose da sapere prima di andarci a vivere

Quanti di voi sognano di andare a vivere in Svezia dove tutto pare funzionare meglio, dove c’è lavoro e, soprattutto, il welfare statale sembra essere all’altezza di molti compiti e d’aiuto per i cittadini? Moltissimi italiani si sono già trasferiti in questa nazione della regione scandinava e altri stanno pianificando un trasferimento a breve per cui, per tutto coloro interessati a un trasferimento, ecco le 10 cose da sapere prima di andare a vivere in Svezia.

  • Imparate a stare in fila

Dalla macelleria all’angolo all’ufficio delle imposte o la farmacia, imparare ad avere pazienza e mettersi in fila sarà un’abitudine da apprendere in fretta. Molti luoghi pubblici (negozi, aziende e uffici) hanno un sistema di prenotazione del turno tramite numero ma, per quelli che non ce l’hanno, guai a sorpassare qualcuno.

  • Parlare svedese aiuta (no, davvero?)

Al di là dell’ironia, un errore che gli italiani commettono spesso è quello di pensare di poter trovare qualunque lavoro senza nemmeno una base di svedese perché pensiamo che i popoli del nord parlino quotidianamente inglese. È vero, gli svedesi parlano inglese molto bene ma questo non significa che siano tenuti a parlarlo con uno straniero nella loro terra. Fate un corso per immigrati e integratevi il più possibile.

  •  Imparate a fare la spesa entro le 17:00

Molti negozi chiudono presto, soprattutto nel fine settimana. Farete molta fatica a trovare un negozio aperto alle 22:00 e persino un distributore di benzina. Cominciate a cambiare le vostre abitudini.

  • Mamme, delegate ai papà la cura dei figli senza problemi

Quando si tratta di eguaglianza tra i sessi, la Svezia è imbattibile. In Svezia le coppie hanno diritto a 480 giorni di congedo parentale retribuito e quindi anche molti papà preferiscono stare a casa con i figli e dare una mano alle madri.

svezia

  • Preferite le attività all’aria aperta

Gli svedesi sono un popolo che vive moltissimo all’aria aperta, anche se fa freddo o se piove o nevica. Godetevi la vita e vivete fuori casa perché le attività da fare sono moltissime.

  • Molte aziende o negozi sono chiusi a luglio

Non è raro trovare ristoranti e negozi chiusi per un intero mese a luglio e i dipendenti godono di 4 o 6 settimane di vacanza.

  • Capirete subito cos’è il “Lagom”

Esiste un codice sociale e di condotta in Svezia e che è necessario imparare fin da subito. Liberamente tradotto, la parola “Lagom” significa ‘moderazione’ o ‘appropriato’ e definisce il comportamento sociale che deve essere, per l’appunto, moderato.

  • Senza IKEA non si vive

Pochissimi sono i negozi svedesi in cui acquistare cose per la casa e anche cibo a poco prezzo e, uno di questi, è sicuramente IKEA. Visto il costo della vita, diventerete ben presto amanti e fan della famosa catena svedese.

  • Toglietevi le scarpe!

Fin da subito, noterete che le scarpe vanno tolte ogni volta che si entra in una residenza privata in Svezia. Che sia un segno di rispetto o che si faccia per non portare sporcizia in casa, non importa, mettetevi un bel paio di calzini e toglietevi sempre le scarpe quando andrete a casa di amici svedesi!

  • Inverni freddi e oscurità

Come mediterranei, gli italiani risentiranno subito degli inverni gelidi e oscuri della Svezia dove, a volte, si hanno solo tre ore di sole al giorno. L’estate però vi ammalierà con le sue ore di luce e le temperature più moderate. I luoghi più belli della Svezia visitateli da maggio ad agosto.